Sì è conclusa con successo l’edizione 2017 del progetto Giro d’Italia – in corsa tra le eccellenze italiane. Un format nuovo, rinfrescato e completamente rivisitato che ha accolto l’approvazione sia dei distributori che delle aziende partner del progetto. Le parole chiave, che hanno fatto da filo conduttore a tutte le 8 tappe nelle principali regioni italiane, sono state convivialità e formazione. Ogni tappa è stata una sorta di “Educational Dinner”, una cena completa in cui gli chef della Squadra Nazionale APCI Chef Italia hanno riproposto agli invitati, nelle varie location, un menu degustazione scelto con criteri particolari. Ogni piatto del menù servito alla cena è stato preceduto dalla proiezione di una video ricetta, raccontata dai nostri chef con il supporto del moderatore Davide Pini. Spazio anche alle domande, riflessioni e curiosità da parte del pubblico, che ha ricevuto durante il corso della serata gadgets e omaggi firmati APCI. Strumento molto utile è stato il Ricettario, con le illustrazioni e i singoli passaggi di ogni piatto degustato.

Schermata 2018-01-02 alle 12.25.53

 

Cibo, cuochi, cucine… e tv. Sì, perché ormai da diversi anni i programmi di cucina hanno
avuto una vera e propria impennata, sia di audience che di proposte di format. Si passa così da sfide tra dilettanti, a reality con chef professionisti che mettono in mostra le proprie
abilità culinarie. Ci sono poi programmi con consigli e trucchetti per cucinare meglio e in modo veloce, menù e piatti da proporre per le feste, per la cucina di tutti i giorni…insomma, basta accendere la televisione per imbattersi un programma che tratta di cibo. Giusto o sbagliato? La risposta è ardua, dipende dai punti di vista. In diversi convegni abbiamo sottolineato che gli chef oggi sono al centro della comunicazione mediatica e che questo spinge molti giovani a percorrere la strada della cucina pensando sia una passeggiata, pensando siano solo flash e notorietà. Ma sappiamo bene che non è così, che ci vuole passione, pazienza, sacrifici, tanti sacrifici e soprattutto amore per questo lavoro, che offre tanto ma toglie anche tanto. Come in tutte le cose, non esiste un “giusto” o “sbagliato”, ognuno conosce i propri limiti e le proprie peculiarità. Ben venga provare una nuova esperienza, che sia essa televisiva, radiofonica o non mediatica. Le nuove esperienze arricchiscono, fanno crescere e spingono oltre i propri limiti. Basta avere la consapevolezza – e questo vale per tutte le cose – di non dimenticarsi la propria etica, le proprie radici e il motivo per cui si percorrono certe strade.


Primi d’Italia è il primo ed unico Festival Nazionale dei Primi Piatti che si tiene ogni
anno nel centro storico di Foligno. Quest’anno, alla sua XX edizione, ha registrato un incremento di circa il 30% rispetto allo scorso anno. Grandissimo successo per le singole sessioni del Festival. Oltre 400 ricette presentate, 13 Villaggi straripanti di commensali, 18.000 kg di pasta cucinati, oltre 10.000 kg di pesce, 5.000 kg di gnocchi, 3.000 kg di riso e più di 150.000 degustazioni. Sono stati quattro giorni all’insegna di degustazioni continuative, lezioni di cucina, dimostrazioni di grandi Chef, produzioni alimentari di qualità, ma anche momenti di spettacolo e di intrattenimento. Un universo di degustazioni continuative e di cultura alimentare, dove tutte le vie portavano al gusto. Ad animare i diversi cooking show, in particolare l’area food experience e l’area “A frigorifero aperto”, anche la Delegazione APCI Umbria rappresentata da Marco Faiella e Stefano Marconi.


Acqualagna, capitale del tartufo fresco tutto l’anno, crocevia internazionale della produzione, del commercio e della degustazione del prezioso tubero, è stata per la 52° volta protagonista della Fiera Nazionale del Tartufo Bianco in programma il 29 ottobre, 1, 4, 5, 11 e 12 novembre 2017. Visitatori italiani e stranieri si sono immersi in una tradizione secolare attraverso la grande mostra mercato, il salotto da gustare tra cooking show con chef stellati, esibizioni, sfide tra vip in cucina, spettacoli e degustazioni, percorsi, mostre, laboratori didattici e creativi per adulti e bambini, esperienze sensoriali, visive e olfattive insieme a momenti di grande passione nell’assaggio di un sapore unico, il più prezioso di questa terra. Immancabile la
presenza della nostra Delegazione APCI Marche, guidata dallo chef Antonio Bedini,
Delegato regionale APCI.

 


E’ tornato anche quest’ anno per la seconda edizione il Festival della gastronomia dei Monti Lepini che si è svolto a Segni dal 16 al 19 ottobre 2017. Si è trattato di un Festival, primo nel suo genere, nella regione Lazio, che ha mirato a vivacizzare questo territorio con le sue attrattive culturali, enogastronomiche, e storiche girovagando tra borghi, centri, e bellezze naturali. Molte le attività svolte, tra cui il “Trofeo Internazionale di Pizza alla castagna …e non solo” e l’“8va edizione del Concorso Enogastronomico Nazionale MARRONE D’ORO” che ha visto sfidarsi tra i fornelli chef professionisti e future promesse delle scuole alberghiere. Quest’anno il tema del concorso è stato “A Tavola con le religioni”, per mettere al centro del tema il ruolo delle religioni nella cultura gastronomica contemporanea. Inoltre, è stato consegnato il Premio alla Carriera allo Chef Davide Malizia, pluricampione mondiale di pasticceria, già vincitore della seconda edizione del MARRONE D’ORO. Protagonisti, i nostri chef della Delegazione #APCILazio!


La Molisana alla stazione Termini di Roma:
inaugurato il “temporary store”
con un menù firmato #APCI

Partenza in grande stile per il Temporary Store La Molisana, inaugurato presso la stazione
Termini di Roma, alla presenza della famiglia Ferro, proprietaria dello storico marchio di
pasta ai vertici nazionali del settore, e di numerosi invitati. All’inaugurazione ufficiale, gli ospiti hanno potuto degustare alcuni formati di pasta nelle ricette elaborate in esclusiva dagli chef della Delegazione #APCILazio Salvatore Sassano, Daniele Rossi e Giuseppe Tartaglia del ristorante Le Salette del Gusto di Roma: couscous con brunoise di verdure, conchiglioni farciti con formaggi mantecati aromatizzati e alici, paccheri con spuma di pecorino, guanciale croccante e pomodori confit. Grazie alla collaborazione con APCI – Associazione Professionale Cuochi Italiani – fino al 9 novembre, 12 ristoranti a Roma e dintorni proporranno nel loro menù ricette speciali con pasta La Molisana create in esclusiva per celebrare la presenza del brand nella capitale.


Giovanni Trigona, insieme alla delegazione #APCICanada sta portando avanti i corsi di Cucina Italiana iniziati a settembre. Nella serie Master Class italiana al VCC Campus, i maestri chef italiani continuano a condividere le loro competenze e le loro capacità artigiane mentre intrecciano la storia culturale, la tradizione e, naturalmente, il cibo. Il vantaggio? Si può sperimentare in prima persona la preparazione del buon cibo italiano e preparare prelibatezze provenienti da varie regioni d’Italia. Ogni workshop ha una durata di 3 ore e si concentra su una particolare specialità italiana come pizza, pasta e gelato. Non perdere il prossimo Workshop Cucina Italiana - Gourmet Gelato!


Dopo la partnership stretta a fine estate per l formazione dei ragazzi in arrivo dalla Mongolia, I.F.S.E., guidata da Raffaele Trovato, delegato #APCIPiemonte, conquista la Cina siglando un nuovo importantissimo accordo con la più grande istituzione dedicata alla formazione in Cina, il Xinhua Education Group. L’istituzione vanta 60 sedi in oltre 20 province cinesi con percorsi di studio che spaziano in diversi settori, ma l’ambito con il maggior numero di studenti riguarda proprio la cucina e pasticceria cinese o europea. Presenti all’incontro, infatti, anche i manager del comparto cucina e pasticceria che prende il nome di Omick, i quali sono rimasti affascinati da IFSE, in particolare per la dotazione di attrezzature, la professionalità e l’attenzione ai dettagli. La partnership riguarderà l’invio di Chef I.F.S.E. presso le sedi cinesi per periodi formativi, oltre che il ricevimento di docenti e studenti della scuola in Italia per corsi dedicati alla specializzazione sulla cucina italiana. L’anno nuovo si prospetta quindi con una connotazione internazionale ancora più forte per IFSE che prosegue con successo la propria attività di promozione della cucina italiana e dei prodotti made in Italy.


Le attività di #APCI Scandinavia
APCI Scandinavia ha gettato le basi per stimolare la comunità dei cuochi presenti sul territorio, attraverso molteplici attività. Hanno stretto un ottimo rapporto con l’Istituto Italiano di Cultura a Copenaghen (Ministero degli Esteri) e con l’Ambasciata d’Italia in Danimarca, con i quali hanno organizzato il Buffet di Gala per la chiusura della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo il 24 novembre 2017, invitando influenti ambasciatori, giornalisti, e food blogger interessati alla cultura e cucina italiana.
Il 27 novembre, invece, sono stati ospitati all’evento “47mo KUKs – International Gala Festival of National FARE 2017” e hanno avuto il piacere e l’onore di rappresentare l’Italia su invito del Ministero degli Esteri e dell’Ambasciata d’Italia a Copenaghen. La serata ha avuto un enorme successo in termini di pubblico perché c’erano ben 34 paesi da tutto il mondo e hanno potuto stringere importanti connessioni. Inoltre, hanno organizzato dei Wine Tasting regionali; un progetto in evoluzione per un pubblico danese, con l’obiettivo di trasmettere la cultura enogastronomica italiana. Infine, hanno anche stretto un rapporto di collaborazione con il Comites Danimarca per la realizzazione di un laboratorio di cucina per bambini presso Eataly Copenaghen. Se questo è solo l’inizio, allora è stato già un enorme successo di prenotazioni, entusiasmo e visibilità! La Delegazione ha molti progetti per il calendario 2018!


Nella ristorazione c’è un grande bisogno di ragionevolezza, di coerenza, serietà, rispetto,
attenzione, sobrietà. E soprattutto, capacità di trasmettere il valore, anche economico, della qualità. Un mix di elementi che, insieme, definiscono la professionalità di chi opera in cucina e in sala e consentono lo sviluppo “ragionevole”, e quindi vincente, dell’attività. Artù Magazine ha riunito il 3 e il 4 ottobre a Milano, presso il Palazzo delle Stelline, gli Stati Generali della Ristorazione per fare il punto sullo stato dell’arte dell’offerta, mettendo al primo posto i contenuti. Nella “due giorni” milanese, i protagonisti, tra cui Sonia
Re, direttore generale di #APCI con un intervento molto interessante nell’ambito della Formazione, hanno raccontato il proprio pensiero, le proprie idee, il proprio modo di affrontare i mercati della clientela. Follow Artù. Gli Stati Generali della Ristorazione ragionevole, organizzato dal gruppo Edifis di A. Schieppati, è stato un grande momento di confronto e approfondimento, che ha lasciato il segno e ha saputo indicare strade nuove. Non per sopravvivere, ma per vincere, con intelligenza e cultura, le sfide del mondo della Ristorazione di oggi e di domani. Durante la serata, inoltre, sono stati consegnati i “Premi alla ragionevolezza”, un riconoscimento ad alcune realtà italiane che esprimono un giusto mix fra qualità dell’offerta, attenzione verso il cliente, dove “la semplicità è”, come diceva Leonardo da Vinci, “la suprema sofisticazione”.


Diversi istituti alberghieri, per consentire ai propri studenti di formarsi attraverso esperienze di lavoro organizzate all’interno della stessa istituzione scolastica, hanno attivato
dei ristoranti didattici. Il rapporto diretto con il cliente rappresenta per gli allievi un’occasione preziosa di acquisizione di esperienza formativa e professionale che permette loro di accumulare elementi interessanti per il proprio curriculum e crediti formativi a vario livello. Obiettivo primario è formare giovani in grado di inserirsi agevolmente nel mondo del lavoro, avendo ampiamente sperimentato le procedure
operative, le criticità relazionali e le doti umane. Olivettando nasce dall’idea di realizzare una struttura dove la formazione del settore alberghiero - ristorativo si metta in gioco avvicinandosi al mondo del lavoro. Il ristorante didattico è il luogo dove viene simulata l’attività: si degusta il menu preparato dagli allievi -
cuochi, il dessert dagli allievi pasticceri, viene assicurato il servizio dagli allievi di sala e il servizio di front e back office (prenotazione e vendita) dagli allievi dell’accoglienza turistica. Le esercitazioni sono coordinate dai docenti tecnico - pratici delle classi impegnati nelle attività.