foto 1
foto 2

 NEW TRENDS:
IL COCKTAIL ANALCOLICO

In risposta alla nuova tendenza che vuole drink analcolici e salutari, arrivano i cocktal creati dal bartender belga Frederic Geirnaert con la mela Marlene®. Colorati, healthy e divertenti tre qualità di mele: la Red Delicious, la Royal Gala e la Golden Delicious. La proposta prevede il Delicious Red Rose, un cocktail fresco e aromatico, che presenta delicati petali di rosa come originale guarnizione. Per chi ama i sapori decisi invece, il Queen Apple mescola la freschezza speziata dello sciroppo apple pie con il gusto intenso dell’aceto balsamico. Per finire, il Fierce & Golden: un delizioso succo di mela Golden Delicious Marlene® accompagnato dalla birra allo zenzero
www.marlene.it

 

NON SPRECHIAMO IL CIBO

Anche il settore privato può giocare un ruolo centrale nell’eliminazione degli sprechi alimentari. A questo proposito Whirlpool annuncia la  quarta edizione dell’iniziativa “Momenti da non sprecare”, progetto ludico-didattico che ha visto coinvolti, nell’ultima edizione del 2019, 1 milione di persone e oltre 1.600 scuole primarie in tutta Italia, Polonia e Slovacchia, per sensibilizzare le nuove generazioni sul valore sociale e ambientale del cibo e sull’importanza di  non  sprecarlo.  Il  progetto è cresciuto ulteriormente nell’anno scolastico 2019-2020,  raggiungendo  le  scuole  anche  in  Regno  Unito  e ingaggiando così complessivamente 2.500 scuole e 2 milioni di persone in Europa. Sempre per il 2020 Whirlpool EMEA  ha  rinnovato  l’adesione  a Spreco  Zero,  la  campagna  europea  di sensibilizzazione per  un  consumo  sostenibile  di Last  Minute  Market,  associazione  promotrice della  Giornata  Nazionale  sul  tema,  in  partnership  con  il Ministero dell’Ambiente.  Sempre  in questa ottica, prosegue anche questo anno la partnership con la Fondazione Banco Alimentare, grazie  alla  quale  Whirlpool  EMEA  sostiene  l’Organizzazione  nel  recupero  delle  eccedenze alimentari e nella loro redistribuzione alle strutture caritative.
.www.whrilpoolCorp.com
dav
foto 1
Foto 5

 

RISTORAZIONE 4.0,
FIPE PER I GIOVANI

 

E’ partito il progetto voluto da Fipe, Ristorazione 4.0. Il progetto è strutturato in cinque incontri della durata di tre ore ciascuno cui farà seguito un periodo di tirocinio, da un minimo di due a un massimo di 4 settimane, presso aziende del settore individuate da Fipe - Confcommercio. Realizzato in collaborazione con The Fork, Google, Tripadvisor e Glovo, il progetto prevede lezioni volte ad aggiornare i giovani sulle nuove tendenze e regole della ristorazione.
Un progetto che vede l’accordo USR Lazio e Confcommercio Lazio, e il contributo dell’ANPAL Servizi Lazio, che rappresenta un ponte tra scuola e imprese. Le lezioni vere e proprie inizieranno a partire da marzo, quando i ragazzi di alcuni istituti di Latina, Rieti e Roma, potranno mettere a frutto il loro “potere digitale” e consolidare quelle competenze necessarie a gestire gli strumenti digitali di tanti pubblici esercizi.
www.fipe.it

UN GIN
DALLO SPIRITO TOSCANO

Nato dall’amore per il Gin e per la Toscana della famiglia Sabatini, SABATINI GIN,  è il London Dry dallo spirito toscano, nato vicino a Cortona. È un gin dal gusto pulito e dal lungo finale, aromatizzato con 9 specie botaniche del territorio: ginepro, coriandolo, iris fiorentino, finocchio selvatico, lavanda, foglie di olivo, timo, verbena e salvia. La maggior parte di queste sono piante spontanee raccolte nelle tenute Sabatini, sulle colline a Sud di Arezzo, mentre il ginepro, rinomato per la sua qualità eccellente, è raccolto in diverse zone della regione. SABATINI GIN viene distillato seguendo il disciplinare di produzione che non prevede l’aggiunta di alcun elemento artificiale ma che la distillazione avvenga in un alambicco Pot Still, con una base alcolica di grano agricolo e i botanicals che gli conferiscono l’identità.
www.sabatinigin.com

 LE BANCHE SCOMMETTONO
SULLE DONNE DEL VINO

.Un’analisi dell’Università di Siena su un campione di imprenditrici femminili dell’Associazione nazionale Le Donne del Vino rivela che il gender gap del credito negato alle donne, per la prima volta in Italia, fa segnare dati in controtendenza. La ricerca, presentata all’apertura di Wine&Siena, evento organizzato da Hunter Helmuth Köcher, presidente del Merano WineFestival e da Confcommercio Siena. L’indagine si è svolta nel 2019 e ha riguardato 167 rispondenti fra le 890 Donne del Vino. Il 65% delle intervistate ha chiesto un credito negli ultimi 10 anni, spesso il finanziamento è inferiore alle attese ma solo il 3% si è vista negare l’erogazione. I finanziamenti sono stati impiegati per  nuovi investimenti (72%) e non per la conduzione aziendale. Il 50% del campione ha richiesto il credito a banche locali, il 41,8% a banche ed istituti di credito nazionali e il 4,7% ad altre fonti di finanziamento.
www.ledonnedelvino.com